Archivi tag: osteopatia e perineo

Riabilitazione del Pavimento Pelvico

 

Il pavimento pelvico o perineo è il distretto muscolare che chiude in basso la cavità del bacino, contribuendo a formare lo sfintere anale esterno, lo sfintere uretrale esterno e le pareti della vagina (m. pubo-coccigeo).

Per tale motivo è coinvolto nella fisiologia della minzione, della defecazione , dei rapporti sessuali (sia maschili che femminili) e nel parto.

La riabilitazione del pavimento pelvico si occupa di:

  • diastasi dei retti addominali
  • incontinenza urinaria/fecale
  • prolasso anteriore/posteriore
  • secchezza vaginale
  • atrofia vulvare
  • cistiti ricorrenti
  • prostatiti ricorrenti
  • vaginiti ricorrenti
  • dolore pelvico cronico
  • vulvodinia
  • dispareunia
  • dolore testicolare
  • ragadi anali
  • dolore anale
  • dissinergia puborettale
  • sindrome da defecazione ostruita
  • ginnastica post parto

Le disfunzioni di tale distretto hanno cause di origine diversa:

  • Biomeccaniche. Essendo collocato nel bacino risente di problematiche della colonna vertebrale, del sacro-coccige e degli arti inferiori e superiori.
  • Fasciali. Il sistema fasciale del perineo è collegato , come una fitta rete tridimensionale, con le catene fasciali del tronco, degli arti e dei visceri.
  • Viscerali. Organi, apparati e sistemi hanno un equilibrio funzionale in grado di influenzarsi vicendevolmente. Il buon funzionamento di questi dipende da molteplici fattori quali dieta, sistema nervoso neurovegetativo, sistema fasciale, sistema immunitario, ecc..
  • Muscolo- tendinei. Il tono muscolare può essere alterato sia in senso di iper attivazione (ipertono) sia in senso di ipo attivazione (ipotono). La sua regolazione è influenzato da molteplici fattori quali il sistema nervoso centrale  periferico e neurovegetativo, il sistema fasciale, l’apparato scheletrico, la componente viscerale, la componente psico-emozionale.

L’ampia varietà di influenze fa si che il trattamento delle disfunzioni del pavimento pelvico vengano affrontate in modo multidisciplinare e con un punto di vista unitario della persona.

Ciò che va inquadrata è la/le causa/e che ha/hanno determinato il sintomo, cioè il problema per cui si chiede un consulto. La terapia si occuperà di riequilibrare ciò che è in disfunzione attraverso:

  • esercizi funzionali del perineo per ristabilirne un movimento e un tono normali
  • correzione della spinta evacuativa e delle eventuali dissinergie
  • terapia manuale per normalizzare l’aspetto biomeccanico
  • manipolazione fasciale per normalizzare le eventuali catene fasciali in disfunzione
  • terapia fisica per coadiuvare il trattamento e facilitare il ritorno alla normalità (radiofrequenza ed elettroporazione, biofeedback, tecar, ultrasuoni, elettrostimolazione)
  • trattamento di cicatrici da episiotomia
  • ginnastica pelvica
  • trattamento della diastasi addominale